Come aiutare una persona depressa?

Come aiutare una persona depressa?

La depressione è una patologia altamente invalidante e che ha tantissimi effetti negativi su colui che ne soffre, ma anche sulle persone che gli stanno accanto. Spesso, le richieste di aiuto arrivano non tanto da chi vive effettivamente questo disagio, ma dai parenti, dagli amici o dai colleghi di lavoro che si accorgono della situazione. Infatti, una delle domande che mi sento fare e alla quale vorrei rispondere oggi è: come posso aiutare una persona depressa?

Vi svelo subito che la depressione può essere diagnosticata e trattata solo dagli specialisti della salute mentale, come lo psicologo e lo psichiatra. Ho scritto un breve articolo per capire come scegliere tra queste due figure.
Tuttavia, visto che si stima che in Italia vi siano più di tre milioni di persone che soffrono di depressione, chi nota questo disagio ha tutto il diritto di capire in che modo piò essere d’aiuto.

Infine, vorrei porre l’attenzione su tutte quelle frasi o consigli che sono messi in atto in buona fede per aiutare le persone che soffrono di depressione, ma che hanno effetto contrario.

Prima di capire come aiutare una persona depressa, dobbiamo considerare due casi diversi: chi soffre di depressione e vuole essere aiutato e chi invece non permette agli altri di entrare nella sua sofferenza, rifiutando gli aiuti. In un altro approfondimento, ho parlato di come comportarsi se qualcuno ha bisogno di uno psicologo ma non vuole andarci.

Cosa dire a una persona depressa?

Come comportarsi con chi soffre di depressione e chiede aiuto

Per quanto riguarda la prima categoria, il supporto del famigliare, amico o collega del paziente può rivelarsi molto utile. In questo caso, può essere utile conoscere i pensieri caratteristici di questa condizione. Infatti, chi soffre di depressione tende a vedere sé stesso come un fallito, senza valore, ma vedrà anche il mondo esterno come “cattivo” e il suo futuro senza speranza. In particolare, il fatto di pensare di non avere possibilità nella vita, mette la persona in una condizione di immobilità, in cui lentamente si appiattiscono i suoi interessi e le sue attività quotidiane. Questo perché, insieme ai pensieri negativi, intervengono anche alcune modifiche biologiche che diminuiscono il piacere provato.

Nel caso la persona sia chiaramente intenzionato a cercare aiuto, si può aiutare chi soffre di depressione appoggiando questa scelta, premiando il suo coraggio nell’affrontare una situazione che è veramente complessa e difficile da sostenere. Nel fare ciò, si dovrebbero cercare di limitare le critiche sulla persona, ponendo l’attenzione sugli aspetti positivi. Il parente o l’amico potrebbe essere un valido punto di supporto durante il percorso terapeutico, che si può rivelare lungo e complesso. In particolare, l’assunzione di una terapia farmacologica, spesso associata alla psicoterapia cognitivo-comportamentale nei casi più gravi, è difficile da sopportare.

Come aiutare una persona depressa che non vuole farsi aiutare?

Come comportarsi con chi soffre di depressione ma non vuole essere aiutato

Discorso diverso vale per chi non ha intenzione di essere aiutato. Questo perché è molto più difficile entrare con delicatezza e rispetto nel mondo interiore di questa persona, caratterizzato da forte disagio.

Quindi, come è possibile aiutare una persona che soffre di depressione, ma non vuole aiuto? Se fate ben attenzione, in questo caso ho usato la parola “soffrire”, piuttosto che etichettare la persona come “depressa”. Infatti, se provate a rileggere l’introduzione, vi renderete conto di quanto sia d’impatto (negativo) rivolgersi ad una persona in quanto depressa, piuttosto che in quanto persona che ha un disagio e ne soffre.

La prima cosa da fare, è rispettare i confini imposti dalla persona che soffre. Sebbene sia evidente il disagio, è da capire che il muro alzato da chi lo vive ha una funzione difensiva. Essere troppo insistenti potrebbe creare l’effetto contrario a quello desiderato. In questi casi, la cosa migliore da fare è accettare con empatia la difficoltà, mostrandosi disponibili al confronto e al supporto, sempre rispettando i tempi della persona che soffre di depressione.

Inoltre, è importante essere connessi con questa persona, senza imporre la propria volontà ma cercando di far emergere la necessità di un aiuto. Ricordate che senza una preparazione specifica, si rischia di far danno. Quindi, la cosa migliore che si può fare per aiutare una persona che soffre di depressione ma non vuole aiuto è quella di riuscire a creare un collegamento tra questa e lo specialista. A quel punto, avrete già fatto moltissimo.

Cosa NON dire a una persona depressa?

Cosa non si deve mai dire a chi soffre di depressione? Quali sono le frasi dannose che potrebbero peggiorare la situazione? come già anticipato, a volte per aiutare una persona depressa si fanno più danni che altro. In medicina c’è un detto: “Primum non nocere, che significa “per prima cosa, non fare del male”. Questo è fondamentale da tenere a mente. Infatti, prima ancora di pensare di poter essere d’aiuto, si deve cercare di non peggiorare la situazione. Già questo è un ottimo risultato, per nulla scontato.

Cosa non dire a chi soffre di depressione?

Come puoi vedere dall’immagine, le frasi da non dire a chi soffre di depressione sono tutte quelle che:

  • Minimizzano il problema;
  • Etichettano e giudicano;
  • Generalizzano;
  • Non prendono in considerazione il punto di vista dell’altro, che può essere diverso.

Cosa dire a chi soffre di depressione?

Quali sono le frasi da dire a chi soffre di depressione? Prima di tutto, dobbiamo aver chiaro qual è lo scopo. Potrebbe essere offrire ascolto attivo ed empatico, oppure invitarlo ad essere seguito da uno specialista o, ancora, a comprendere il bisogno di assistenza. Non mi sento di aggiungere altri obiettivi, perché offrirei una prospettiva irrealistica. Infatti, già riuscire a portare a termine queste tre operazioni può essere decisivo.

In generale, per comunicare in modo empatico e funzionale con una persona depressa, si possono usare frasi che:

  • Considerano il punto di vista dell’altro, valorizzandolo, anche se non si è certi di condividerlo (Capisco il tuo stato d’animo e che tu possa avere difficoltà nel fare certe cose);
  • Offrire supporto senza essere invadenti (Se hai bisogno di una mano per qualsiasi cosa, sono qui);
  • Non giudicare, generalizzando la patologia (Anche se stai soffrendo, so che comunque sei sempre una persona di valore);
  • Offrirsi da collegamento (Se vuoi, possiamo cercare insieme qualcuno che ti possa aiutare).

Come hai visto, queste sono solo degli spunti per capire come aiutare una persona depressa. Si deve prestare attenzione al contenuto, ma anche al modo, perché è quest’ultima caratteristica della comunicazione che la rende utile per chi soffre.
Se hai bisogno di confrontarti con me rispetto a cosa fare in queste situazioni, puoi scrivermi compilando il modulo di contatto.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Call Now Button