Perché ho paura di guidare in autostrada?

La paura di guidare in autostrada

Una domanda che mi sento spesso fare è: “Perché ho paura di guidare in autostrada?”. In effetti, è una condizione molto frequente, specialmente in chi soffre di ansia cronica o attacchi di panico.

In questo articolo cercheremo di capire il motivo di questa paura, analizzando i pensieri che sostengono il disagio. Soprattutto, vedremo come i pensieri e l’ansia creano una condizione perfetta per evitare di guidare. In tal modo il problema si mantiene nel tempo e diventa via via sempre più resistente al cambiamento. Infine, analizzeremo le strategie terapeutiche che si possono applicare in queste situazioni.

Prima di continuare, ti invito a approfondire il tema degli attacchi di panico per capire meglio in che modo è possibile arrivare alla massima intensità dei sintomi legati a questo timore.

Prima di capire perché le persone hanno paura di guidare in autostrada, cerchiamo di capire come si manifesta questo timore. Innanzitutto, è bene chiarire che è possibile assistere a queste situazioni sia nel momento vero e proprio della guida, sia in anticipo, quando si immagina di dover guidare in autostrada.

In entrambi i momenti, chi ha paura di guidare, può manifestare i seguenti sintomi:

  • tachicardia;
  • sudorazione;
  • vampate di calore;
  • tremori;
  • rigidità muscolare;
  • giramenti di testa;
  • respiro affannoso;
  • fame d’aria;
  • peso sullo stomaco e nodo in gola.
Perché ho paura di guidare in autostrada: sintomi.

Come puoi vedere, questi sintomi sono esattamente quelli dell’ansia (e se non sai quali sono, ti consiglio di leggerli). Infatti, quando la persona che ha paura di guidare in autostrada inizia a pensare di doverlo fare o si trova in quella situazione, sperimenta una forte ansia che genera queste sensazioni fisiche.

È facile pensare che questa situazione di attivazione psicofisica potrebbe far pensare a qualcosa di molto grave. In particolare, se si immagina che ciò possa avvenire alla guida di un’automobile a velocità sostenuta, potrebbero sorgere diversi problemi. Ecco perché  è importante capire quali sono i pensieri automatici negativi coinvolti.

In che modo i pensieri negativi creano l'ansia?

Secondo la psicologia cognitiva, le emozioni e i comportamenti sono generati da una serie di pensieri automatici che le persone fanno, spesso inconsapevolmente.

Questo significa che anche nel momento in cui la persona che ha paura di guidare in autostrada porta con sé una serie di credenze disfunzionali che alimentano l’ansia e lo immobilizzano. Sia che si trovi in una situazione simile, sia che immagini di farlo.

In questi casi l’ansia è l’emozione principale e spesso può trasformarsi in panico, aumentando fortemente tutti i sintomi sopra descritti. Perciò, visto che l’ansia è causata da pensieri “catastrofici”, terribili, che valutano la situazione come minacciosa e tremenda, quelli che più spesso è possibile individuare sono:

  • Oddio! Se dovessi sentirmi male mentre guido in autostrada sicuramente potrei perdere il controllo del mezzo e fare un incidente!
  • Se dovessi sentirmi male, non potrei fermarmi e non ci sarebbe nessuno ad aiutarmi. Sarebbe terribile!

Come vedi, questi sono due pensieri che hanno la classica struttura ansiosa: “Se…allora…”.

Perché ho paura di guidare in autostrada: evitare.

Paura, ansia e pensieri catastrofici

In seguito, durante in lavoro terapeutico secondo il modello cognitivo, e una volta valutata la presenza di pensieri simili, si dovrebbero approfondire. Infatti, per ogni persona “fare un incidente” o “essere da sola al momento del bisogno” potrebbe significare qualcosa di diverso. Spesso, si associano a queste immagini il timore di morire, di soffrire, ma anche di far del male agli altri. Oppure, potrebbe esserci la paura del giudizio conseguente alla propria “irresponsabilità” per aver causato un incidente, o per le spese economiche e legali da sostenere. Probabilmente, per la maggior parte delle persone, l’autostrada rappresenta un contesto particolarmente sensibile, vista la velocità dei veicoli.

Come puoi immaginare, ogni situazione è diversa ed è strettamente collegata alla storia di vita della persona.

Perchè non riesco a superare questa paura?

Uno dei problemi maggiori per chi cerca di capire perché ha paura di guidare in autostrada è il fatto che spesso non riesce nemmeno provarci! Questo è comprensibile, poiché l’ansia è talmente elevata che impedisce di mettersi in una situazione considerata rischiosa.

Tuttavia, il mantenimento del problema segue una logica strana. Inizialmente, la persona con questa paura sente che non provare a mettersi al volante è una buona soluzione al problema, in quanto l’ansia diminuisce all’istante. Infatti, togliendo il pensiero di dove mettersi alla guida, si elimina anche lo scenario terribile causa di disagio.

In generale, è possibile dire che così facendo non si possono raccogliere prove in favore anche di altre ipotesi, diverse da quella terribile su cui ci si focalizza, ossia di star male.

Più che chiederci se esista una sorta di trauma passato che influenza il presente, dobbiamo considerare il fatto che la paura non permette di guidare. Quindi, così facendo non si affronta mai il problema e continua a rimanere tale.

Perché ho paura di guidare in autostrada: come guarire.

La paura di guidare in autostrada: come guarire

Uno dei punti chiave della terapia cognitiva-comportamentale è quello di spezzare i circoli viziosi che formano i fattori di mantenimento del problema, come l’evitamento sopra descritto.

Quando una persona mi racconta del perché ha paura di guidare in autostrada, cerco sempre di capire quali sono i timori più profondi. Questo è utile per impostare correttamente l’intervento. Infatti, la tecnica cognitiva più utile che può aiutare a superare questa paura è la rivalutazione dei pensieri automatici negativi. Modificando i pensieri disfunzionali è possibile sostituirli con alcuni più funzionali che permettano di abbassare l’ansia anticipatoria e di iniziare a fare degli esperimenti comportamentali. Con questo termine, si indica una tecnica che consente di avvicinarsi gradualmente al problema. Ovviamente, queste tecniche possono essere applicate in un contesto clinico adeguato, che preveda anche l’insegnamento di esercizi per rilassarsi.

Se hai altre curiosità sulla paura di guidare in autostrada o vuoi raccontarmi la tua esperienza, puoi inviarmi una mail dal modulo di contatto. Risponderò nel più breve tempo possibile!

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Call Now Button